Riot V: “Armor Of Light”, ritorno al power metal

RIOT V: INTERVISTA ESCLUSIVA A TODD MICHAEL HALL •

I newyorchesi Riot V, poco prima del live show al Jailbreak Live Club dello scorso 9 dicembre (qui il report), parlano con Metalforce del loro prossimo lavoro, che uscirà a marzo 2018 in seno alla Nuclear Blast. Dopo diversi anni di stop dalla precedente pubblicazione che risale al 2014, “Unleash The Fire” (via Spv/Steamhammer), il 2018 porterà alla band delle grandi novità. A gennaio ci sarà l’inserimento nella prestigiosa Heavy Metal History Hall Of Fame, con cerimonia che si terrà presso l’Anaheim Wyndham Garden Grove . Ci saranno sonorità più incentrate verso il power metal, in particolare appartenenti all’era “Thundersteel”, e sarà prodotto da Chris Collier. Più di 30 anni di attività che hanno visto alternarsi momenti di grande gloria e momenti bui, dalla morte di Mark Reale nel 2012, ai vari cambi di line up. Sono tornati a calcare le scene nelle vesti di Riot V, per indicare la V era della band, che attualmente vede come formazione alla voce Todd Michael Hall, alle chitarre Mike Flyntz e Nick Lee, Don Van Stavern al basso e Frank Gilchriest alla batteria.

Avete da poco firmato con la Nuclear Blast, con la quale farete uscire il vostro prossimo lavoro. Come avete iniziato la collaborazione?
TODD –
I nostri ultimi due album li abbiamo pubblicati con la Spv/Steamhammer. Adesso siamo lieti di essere entrati a far parte di un’etichetta importante, un nome altisonante del metal mondiale. Avevamo anche altre opportunità con le quali iniziare questo nuovo percorso, ma dopo aver discusso a tavolino più di due mesi sul da farsi, abbiamo deciso che la Nuclear Blast sarebbe stata la scelta migliore per l’attuale line up. Subito dopo, ci siamo affrettati a portare a termine il lavoro di composizione dei brani e delle registrazioni. Il nostro intento è quello di accontentare i nostri fan, quelli che da anni ci hanno sempre supportato e continuano ancora a seguirci.

Per quanto riguarda gli arrangiamenti, che tipo di approccio avete seguito per la stesura dei brani? Sono più da studio o da live show?
TODD –
L’album si chiamerà “The Armor Of Light” e gli arrangiamenti avranno un approccio molto più da live show. Quindi, sarà un album ancora più energico e grintoso dei precedenti.

E in merito alla sua composizione, cosa ci potete anticipare?
TODD –
“The Armor Of Light” avrà in tutto 10 o 12 pezzi, scelti tra i 18 composti. Si può ascoltare d’un fiato, e il sound sarà più incentrato verso i primi album dei Riot, per un vero ritorno al passato della band e al power metal. A differenza di “Unleash The Fire”, abbiamo inserito molta più varietà nello stile e nelle tematiche affrontate nei testi.

Voci di corridoio dicono che vi ispirerete molto di più all’era “Thundersteel”. E’ vero?
TODD –
In realtà sì, ma solo in tema di sound, in quanto è Donnie il principale scrittore e artefice delle canzoni. In definitiva, è lui che sa esattamente cosa si aspettano i nostri fan e cosa apprezzano maggiormente della band. “Armor Of Light” uscirà nel mese di marzo 2018.

Cosa cambierà invece nei testi rispetto ad “Unleash The Fire” e a “Thundersteel”?
TODD –
Ci sarà molta più varietà. Oltre alle classiche tematiche power/speed metal, come lotte e rivolte, comprenderà anche cose più interessanti e attuali. Intendo dire che saranno affrontati anche aspetti riguardanti la fine del mondo e alcune problematiche della nostra società contemporanea. Non va interpretato come un concept a senso unico, ma come una miscellanea di argomenti diversi. Sarà da questo punto di vista una cosa diversa e nuova rispetto al passato.

Nei vostri brani, quanto in realtà c’è ancora di Mark Reale?
TODD –
Ne sono molto influenzati, visto che i due terzi sono stati scritti da Donnie. Abbiamo coinvolto anche tutti gli altri componenti, a partire da me per la parte vocale, a Mike per le chitarre e Frankie per la batteria. Quindi, alla fine, possiamo definirlo come un lavoro di gruppo.

Come siete entrati in contatto con il produttore Chris Collier?
TODD –
Abbiamo scelto Chris Collier perché era il più adatto alle sonorità che ci eravamo prefissi di ottenere. E’ stato il produttore di band come i Metal Church, gli Slipknot e i Korn. Ne siamo molto entusiasti, anche perché Chris ha introdotto elementi fondamentali che hanno contribuito ad arricchire il risultato finale, di cui siamo fieri. Abbiamo iniziato con lui la collaborazione alla fine dell’estate, ancor prima di aver totalmente concluso gli accordi con la Nuclear Blast. Quando glielo abbiamo comunicato, ne è rimasto molto contento.

Avete già deciso quale sarà il vostro primo singolo?
TODD –
Ancora no, anche perché la scelta è davvero ardua. Faremo uscire presto il nuovo videoclip che annuncerà “Armor Of Light”.

Sarete inseriti nella Heavy Metal History Hall Of Fame, con una cerimonia che si terrà il 24 gennaio 2018 all’Anaheim Wyndham Garden Grove. Vi sentite già carichi?
TODD –
Ne siamo veramente orgogliosi, e siamo rimasti sorpresi quando il nostro manager ci ha comunicato questa notizia. E’ stato un vero onore, poiché è il più grande riconoscimento che una metal band possa avere per tutti gli anni di duro lavoro. Per noi, e anche per Mark …

State già pianificando un tour per il 2018?
TODD –
Sì, e comprenderà sia festival estivi che date in live club. Torneremo sicuramente e molto presto anche in Italia.

.