Twilight Force: elfi, draghi e power metal

twilight-force-logo-band

TWILIGHT FORCE: INTERVISTA ESCLUSIVA AD AERENDIR E DE’AZSH •

Fantasiosi, simpatici e molto disponibili: questi sono i Twilight Force fuori dalla scena, ma poi, una volta entrati nei loro personaggi, si trasformano diventando una vera forza della natura, incontenibili ed inarrestabili. Noi di Metalforce abbiamo avuto l’occasione di fare una bella chiacchierata con loro proprio poco prima che si scatenassero sul palco dell’Alcatraz di Milano, dove i sono esibiti lo scorso 20 ottobre in apertura ai Sonata Arctica (qui il report).

Prima di tutto vi ringraziamo del tempo che ci state concedendo. Iniziamo con un una piccola introduzione: parlateci di voi!
AERENDIR – Ciao! Sono Aerendir dei Twilight Force e suono la chitarra ritmica.
DE’AZSH – Io sono De’Azsh, il batterista dei Twilight Force.

Ditemi qualcosa sugli altri membri della band…
AERENDIR – Gli altri membri sono…
DE’AZSH – C’è Chrileon il cantante è una sorta di principe cantante! Per quanto mi riguarda non c’è molto da sapere su di me e il mio personaggio, sono molto misterioso. Born il bassista è un druido che vive nel cuore della foresta e parla con bestie ed animali, raccoglie erbe e fa pozioni.
AERENDIR – Che sono davvero disgustose!

Il vostro ultimo album “Heroes Of Mighty Magic” sembra avere delle importanti influenze da alcune colonne sonore, in alcuni passaggi sembra di ascoltare gli echi di alcune composizioni di Hans Zimmer, James Corner, Howard Shore… Siete d’accordo? Mi dite qualcosa su questa nostra sensazione?
AERENDIR – Sì!
DE’AZSH – Sì! Blackwald e Lynd, rispettivamente il tastierista ed il chitarrista, sono i compositori dell’album per cui posso solamente dirti quello che io ho sentito da loro. Sono influenzati molto dalle musiche dei film e vogliono proprio creare qualcosa che sia un prodotto “audio-visivo”. Una sorta di film musicale, loro vogliono portarti nel nostro mondo, e in realtà ti basta ascoltare il nostro disco ad occhi chiusi e ti senti letteralmente trasportato lì! Proprio come quando guardi un film. rispetto al primo album questo è molto più come un musical, è più teatrale e quello che si definisce “cinematic music”.

Due dei migliori momenti dell’ultimo album sono la title track “Heroes Of Mighty Magic” e “There And Back Again”. Mi parlate di queste due canzoni e degli ospiti che ci sono in entrambe?
DE’AZSH – Su “There And Back Again” abbiamo Fabio Lione come guest singer! La sua precedente band, i Rhapsody e i Rhapsody Of Fire sono stati una grande influenza nella nostra musica, così quando abbiamo avuto la possibilità di averlo come ospite sull’album perché non prendere quest’occasione al volo? (ride).
Fabio Lione ha fatto un lavoro eccellente e la sua voce è davvero perfetta per la canzone ed aggiunge quell’extra che mancava.
AERENDIR – Aggiunge le spezie perfette!

Cosa ne pensate della sua separazione dai Rhapsody Of Fire?
AERENDIR – E’ un evento davvero triste. E’ una cosa che fa davvero male. Ma nulla dura per sempre. Le persone vanno e vengono e fanno cose diverse, possiamo solo augurargli di avere tantissima fortuna in ciò che sta facendo!

Immagino che leggiate moltissimi libri fantasy: parlatemi dei vostri testi.
AERENDIR – Al momento si legge solo nel tour bus! (ride)
DE’AZSH – I testi non li scriviamo noi due, li scrivono sempre Blackwald e Lynd, ma posso dirti che sono molto influenzati da alcuni libri e giochi di ruolo.
AERENDIR – E suonano con la stessa idea e visione delle cose, tra Dangeouns & Dragons, mondi misteriosi e cose del genere. Tutti i testi vengono fuori così, si siedono si bevono una birra, si divertono e ridono come dei bambini e creano i testi. Per loro è divertente!
 DE’AZSH – Nel frattempo creano una storia.

Apprezziamo molto il vostro stile e le vostre composizioni. Ci potete parlare del modo in cui scrivete e componete le canzoni?
DE’AZSH – La maggior parte delle volte la composizione delle canzoni è basata sul pianoforte, Lynd o Blackwald si siedono al piano e iniziano a scrivere la melodia o qualcosa del genere. Poi aggiungono tutti gli strumenti a quello che hanno scritto.
AERENDIR – Esatto, prima scrivono tutto e poi lo legano insieme nella canzone. E’ difficile creare una cosa del genere perché non puoi forzare la creatività. Magari ti viene l’ispirazione nel mezzo della notte, e allora lì ti devi alzare e metterti a suonare e registrare cogliendo l’attimo. Il giorno dopo lo ascolti e prendi ciò che è buono e lo aggiungi a quello che è stato fatto durante la settimana. E’ qualcosa che cresce in continuazione.

Scegliete una canzone per un viaggio, una canzone per una battaglia e una canzone per un funerale.
AERENDIR – Oh è difficile!
DE’AZSH – Per il viaggio mi verrebbe in mente qualcosa dei Gamma Ray!
AERENDIR – Quale?
DE’AZSH – “ Something With Space”
AERENDIR – “Somewhere Out Of Space”!
DE’AZSH – Sì, è vero è “Somewhere Out Of Space”! (ridono)
AERENDIR – Per una battaglia… dipende da che battaglia! Io immagino me stesso in una battaglia medievale e probabilmente sarebbe “Battle Of Arcane Myth” (brano presente sul primo album della band n.d.t.)
DE’AZSH – Sì esatto!
AERENDIR – Per quanto riguarda il funerale credo che sceglierei una canzone che si chiama “New Life” del compositore Norvegese Thomas J. Bergersen. Quella è davvero la mia canzone!
DE’AZSH – Io sceglierei “We All Die Young”! (canzone degli Steel Dragon n.d.t.)
AERENDIR – Oh, è un’ottima scelta!

Come e quando avete iniziato a suonare?
DE’AZSH – Per quanto mi riguarda, mio papà suonava tutti i tipi di musica ai suoi tempi, e lui voleva che imparassi a suonare la chitarra, ma io non volevo perché mi faceva schifo.
AERENDIR – All’inizio 20 anni fa volevo suonare la batteria, ma quando siamo andati a comprarla non c’era per cui ho dovuto per forza scegliere la chitarra
DE’AZSH – Alla fine mi ha comprato la batteria e non appena ho iniziato a suonarla me ne sono innamorato e non l’ho più lasciata!
AERENDIR – Sono cresciuto fuori città, nella foresta, e quello che c’era da fare era arrampicarsi sugli alberi e suonare tutto il tempo, ed è quello che ho fatto!

I vostri genitori hanno sempre condiviso la vostra scelta di fare i musicisti?
AERENDIR – Assolutamente sì!

Che cosa hanno in mente per il futuro i cittadini del “Twilight Kingdom”?
DE’AZSH – Deve essere tenuto segreto per il momento (parlando sottovoce)
AERENDIR – Credo proprio di sì, almeno per ora! (ride) Mi dispiace! Vi sarà rivelato a tempo debito.

Deep Purple, Malmsteen, Metallica e tanti altri, hanno suonato la loro musica con un’orchestra: vi piacerebbe suonare con un’orchestra?
DE’AZSH – Sarebbe un sogno! Abbiamo provato una volta, non dal vivo ovviamente, a suonare con un coro, ma al momento non abbiamo in programma nessuna cosa del genere.
AERENDIR – Ovviamente ci piacerebbe!
DE’AZSH – A dire la verità ci sono state delle opportunità, ma abbiamo così tante ed altre idee da portare a termine prima di fare una cosa del genere. Comunque è un nostro sogno e speriamo di realizzarlo, magari un giorno accadrà!

traduzione: Connor 

.