Elvenking – al Traffic si legge il Magico Grimorio

ELVENKING + AETERNUM + LADY REAPER + QUEER MESS
live @ Traffic, Roma
– domenica 17 dicembre 2017 –

 

LIVE REPORT •

Una serata multiforme quella di domenica 17 dicembre al Traffic di Roma. Tra folk, power e classic metal ben quattro sono state le band che si sono avvicendate sul palco del club capitolino. Headliner della serata gli Elvenking che stanno promuovendo il loro ultimo lavoro “Secrets Of The Magick Grimoire”, pubblicato poco più di un mese fa.

Queer Mess
Il compito di aprire le danze è affidato ai Queer Mess, guidati dalla voce femminile di Marianna Silvestri. In un contesto come questo il loro genere musicale è decisamente fuori tema, il loro Indie rock/Alternative per nulla si addice con il sound che verrà poi proposto dalle altre band in programma. Tra l’altro i Queer Mess pagano lo scotto della loro età, e l’inesperienza è ancora abbastanza evidente. Avranno sicuramente modo e tempo di migliorare, ma in una serata orientata più sul metal che verso altre sonorità, personalmente non li avrei inseriti.
Il pubblico li ha comunque sostenuti.

{{title}} {{title}}


foto: 
Stefano Panaro

__________________________________

Lady Reaper
Sempre più spavaldi e tonici, invece, i Lady reaper. I cinque ragazzi sono senz’altro migliorati nel corso degli anni e maturato anche una notevole esperienza grazie a varie date in apertura a band di fama internazionale (ultimamente, per esempio, con i Grave Digger). Con un sound che strizza l’occhio al metal anni ’80 e con brani dalla presa immediata (di cui alcuni tratti dal prossimo album che uscirà a breve), il combo romano è stato autore di una bella performance, grazie soprattutto all’istrionico frontman Simone Oz che, come suo solito, dopo aver scaldato per bene i motori, ha scatenato tutta la sua energia. E gli applausi del già numeroso pubblico (a fine serata ci sarà il pienone) se li sono ben meritati.

{{title}} {{title}}


foto: 
Stefano Panaro

__________________________________

Aeternum
E’ il turno degli Aeternum che, nonostante una serie di inconvenienti tecnici (tra cui anche un ampli fuori uso) che si sono susseguiti durante il loro set, hanno stoicamente portato avanti una prestazione maiuscola: definirli “eroi” è decisamente poco. Con un sound che affonda a piene mani nel metal più classico, con chiari riferimenti a Maiden e Sabbath, gli Aeternum hanno dimostrato tutto il loro valore, grazie ad un gioco di squadra dove ogni elemento ha dato il massimo, a cominciare da Aleister Hunt che ha sfoderato tutta la sua potenza vocale e interpretativa. Ma anche il nuovo chitarrista Edoardo Taddei ha fatto vedere di che pasta è fatto e, nonostante la sua giovane età, ha impressionato tutti per le sue doti tecniche.
Vista anche la ferita riportata alla mano dall’altro chitarrista, Franco Salvati, direi senz’altro che gli Aeternum hanno “gettato sangue” sul palco pur di portare a termine, nel modo migliore, un concerto assolutamente travolgente. Bravi!

{{title}} {{title}}


foto: 
Stefano Panaro

__________________________________

Elvenking
E siamo agli ospiti principale della serata: gli Elvenking. Li avevamo visti recentemente alla Festa della Birra a Fabrica di Roma, in apertura agli Stratovarius, e anche questa sera hanno dato prova di essere una band che merita il successo che hanno fin qui ottenuto. Con una consolidata carriera alle spalle, un grande seguito anche a livello internazionale, gli Elvenking sbarcano al Traffic per presentare anche al pubblico romano il loro nuovo disco “Secrets Of The Magick Grimoire “.
Il numerosissimo pubblico (ormai la location è piena) si fomenta con la loro musica, salta e balla al ritmo del loro power metal a forti tinte folk che si diffonde sempre più prepotente e coinvolge tutti.
Non c’è che dire: il loro concerto non ha una sbavatura ed esalta il pubblico che ne vorrebbe ancora. Ma ormai è tempo di tornare a casa, portandoci dietro il ricordo di una magica serata come questa.

{{title}} {{title}}


foto: 
Stefano Panaro