Inglorious – classic rock @ La Salumeria della Musica

INGLORIOUS + DOBERMANN
live @ La Salumeria della Musica, Milano
– martedì 12 dicembre 2017 –

 

 

LIVE REPORT •

Venue suggestiva in un freddo martedì di dicembre per ospitare quelli che alcuni definiscono i nuovi Deep Purple. Parliamo degli Inglorious, direttamente dal Regno Unito (e non dimentichiamo la Svezia rappresentata da Andreas Eriksson, ex Crazy Lixx).
Non ero mai stata a La Salumeria della Musica e devo dire che l’ambiente è ideale per il tipo di show di questa sera, non il rock moderno da party presentato da miriadi di band del panorama, bensì un classic rock dominato dalla voce potente di Nathan James.

Dobermann
Il compito di scaldare l’ambiente (letteralmente, il locale è abbastanza freddino) spetta ai torinesi Dobermann, un nome già sentito più volte nell’underground italiano. E non a caso, dato che lo show del terzetto è di tutto rispetto, brani semplici ma di impatto, con ritornelli accattivanti che restano facilmente in testa e la parlantina del cantante e bassista Paul del Bello che sa come intrattenere il pubblico. Ragazzi dotati di talento, che traspare per esempio negli assoli di batteria, Antonio Burzotta pesta sulle pelli e Valerio Mohicano Ricciardi che li accompagna con la sua chitarra. Ottima prova, veramente.

Setlist:

  1. Holiday
  2. Radioactive
  3. Taking in the Out takes
  4. Stuck in traffic
  5. Please don’t touch (Motörhead + Girlschool version)
  6. You talk it you walk it
  7. Drum solo
  8. Pure breed
  9. War thunder
  10. Hot for teacher (Van Halen cover)

DOBERMANN lineup:

  • Paul Del Bello – Bass, Vocals
  • Antonio ‘Antuan’ Burzotta – Drums
  • Valerio ‘Ritchie’ Mohicano – Guitar
{{title}} {{title}}
foto: Matteo Musazzi

_____________________________________

Inglorious
Gli Inglorious stanno via via diventando una realtà sempre più apprezzata e popolare nell’ambiente, forti del contratto con la nostrana Frontiers, un album di debutto di tutto rispetto, un seguito che ha ottenuto altrettanti feedback positivi e un frontman degno di questo nome, dal look sgargiante e una voce che non può lasciare indifferenti. Se a ciò aggiungiamo due chitarristi di tutto rispetto, il già citato Andreas Eriksson e i suoi virtuosismi, accompagnato da Drew Lowe alla ritmica, un bassista, Colin Parkinson, che sa il fatto suo, e un batterista, Philip Beaver, che nonostante la non possente stazza si muove dietro le pelli come un ossesso, il gioco è fatto. Una band capace di incantare e intrattenere col suo sound classic rock e dei brani di facile ascolto. La scaletta ripercorre i più grandi successi estratti dai due album, come “I Don’t Need Your Loving”, “Taking The Blame” e “High Class Woman” da “II” o “Holy Water”,”Bleed For You” e “Unaware” dal debut album.
Commovente la dedica ad alcuni grandi artisti scomparsi quest’anno, come Chester Bennington e Chris Cornell. Nathan James si esibisce in una versione da brividi di “Numb” e “Black Hole Sun”, accompagnato dalla chitarra acustica di Drew Lowe. C’è spazio anche per quella che viene introdotta come la miglior sezione ritmica degli ultimi dieci anni, cioè assolo di batteria e basso da cui si percepisce il feeling e l’unione dei musicisti. Un set breve ma intenso, che si conclude con Nathan James che scende tra il pubblico per cantare insieme a noi l’ultimo brano, “Until I Die” e ci invita tutti allo stand del merchandise per foto e autografi.
Davvero una bella serata, ringraziamo Vertigo e il management e lo stesso Nathan James per l’intervista, disponibile a breve sul nostro sito.

Setlist:

  1. Read All About It
  2. Breakaway
  3. Gypsy
  4. Tell Me Why
  5. Bleed For You
  6. Warning
  7. Black Magic
  8. Drum and bass solo
  9. Taking The Blame
  10. I Got A Feeling
  11. Numb/Black Hole Sun
  12. Faraway
  13. Unaware
  14. I Don’t Need Your Loving
  15. High Class Woman
  16. Holy Water
  17. Until I Die

INGLORIOUS lineup:

  • Nathan James – Vocals
  • Andreas Eriksson – Guitar
  • Drew Lowe – Guitar
  • Colin Parkinson – Bass
  • Phil Beaver – Drums
{{title}} {{title}}

foto: Matteo Musazzi