SATYRICON – il satiro non si ferma

SATYRICON + SUICIDAL ANGELS + FIGHT THE FIGHT
live @ Zona Roveri Music Factory, Bologna
– sabato 7 ottobre 2017 –

 

LIVE REPORT •

Una combinazione davvero molto strana quella del concerto del 7 ottobre al Zona Roveri Music Factory. I Satyricon, pilastri del Black Metal norvegese, sono accompagnati dai Suicidal Angels e dai Fight The Fight. Un concerto, insomma, non adatto a chi ama eventi “tranquilli”.

FIGHT THE FIGHT
Non ci aspetteremmo mai una band di questo genere in apertura ai Satyricon, eppure ecco qui i Fight The Fight con il loro “Metal moderno”, più precisamente direi un misto tra Alternative Metal e Metalcore. Nonostante ciò, l’influenza dei Satyricon, tra le ispirazioni più grandi per la giovane band, si fa sentire in qualche modo; il loro stile ha qualcosa di particolare, un’atmosfera strana e molto suggestiva. Questi ragazzi sono molto giovani, è vero, ma hanno già molta esperienza… E si vede! Il modo in cui tengono il palco e interagiscono con il pubblico è assolutamente fantastico, il cantante Lars e il bassista HM sono i più carismatici e subito riescono a creare un legame tra pubblico e band. Tutto questo è ancora più incredibile se pensiamo che la maggior parte del pubblico è formato da gente amante del Black Metal e che quindi non trova molto semplice approcciarsi al genere proposto dai Fight The Fight. Concludendo, davvero un bello show da parte di questi ragazzi. Molta passione, molto carisma e molta energia. Sicuramente una band che avrà tanto da dire in futuro!

Setlist:

  1. Fight The Fight
  2. Patient Zero
  3. Addictions
  4. My Emperor
  5. Anitra’s Dance
  6. Perfect Combination
  7. No Skin, No Armor

FIGHT THE FIGHT lineup: 

  • Lars Vegas – Vocals
  • Amok – Guitar
  • Lord – Guitar
  • HM – Bass
  • Bjørn Dugstad Rønnow – Drums

_____________________________________

SUICIDAL ANGELS
Cambio band, cambio genere: ecco i greci Suicidal Angels con il loro Thrash Metal puro stile Slayer. Avete capito bene, l’influenza degli Slayer è facilmente percepibile e, proprio come la band americana, i Suicidal Angels mandano subito in delirio il pubblico dando via a vari mosh pit e un fantastico wall of death durante la potentissima “Moshing Crew”. I nostri trasmettono al pubblico tutta la rabbia e la potenza contenuta nei loro testi e nella loro musica, cose assolutamente immancabili in una band Thrash che si rispetti. Alcuni potranno dire che questa band offre qualcosa di “già ascoltato”, qualcosa di uguale al solito Thrash, qualcosa di piatto e monotono, io non sono d’accordo. I Suicidal Angels sono dei veri maestri del Thrash Metal moderno, bello carico e devastante. Al pubblico sono piaciuti e non poco, e lo abbiamo visto benissimo. L’unico vero peccato è che la band greca non era il piatto forte della serata, credo dunque che sarebbe più consono vederli in un’altra occasione, magari come headliner, poiché potrebbero rivelarsi davvero letali e sicuramente molto interessanti. Assolutamente una band da rivedere!

Setlist: 

  1. Capital Of War
  2. Bloodbath
  3. Front Gate
  4. Eternally To Suffer
  5. Seed Of Evil
  6. Moshing Crew
  7. Apokathilosis

SUICIDAL ANGELS lineup: 

  • Nick Melissourgos – Vocals, Guitar
  • Gus Drax – Guitar
  • Angelos Lelikakis – Bass
  • Orpheas Tzortzopoulos – Drums

 _____________________________________

SATYRICON
Finalmente, il momento tanto atteso è arrivato: le luci si spengono, il fumo copre quasi completamente il palco, tra il pubblico si può percepire la gioia e l’ansia che si fondono ed improvvisamente eccoli… i Satyricon sono sul palco! La band norvegese dà il via alle danze con “Midnight Serpent”, una traccia direttamente dall’ultimo album. Sempre a proposito del nuovo album, la title-track risulta molto apprezzata dal pubblico bolognese e tutti si svagano facendo cori soprattutto durante il ritornello. Piccola pausa ed ecco che lo show continua; i nostri sfoggiano brani da album come “Now, Diabolical”, “The Age Of Nero” e l’album omonimo. Davvero gradito il brano “The Ghost Of Rome” inserito a sorpresa nella scaletta come regalo per i fan italiani ed introdotto da una breve spiegazione di Satyr: “Sapete, molti anni fa noi in Norvegia avevamo i vichinghi, voi in Italia avevate l’Impero Romano. Il problema è che si pensa sempre alla forza e alle battaglie dei romani e mai alla loro spiritualità, perciò ecco a voi “The Ghost Of Rome”.
Ulteriori sorprese sono i due brani direttamente da “Nemesis Divina”, uno degli album più amati in assoluto dai fan della band, tra cui ovviamente l’immancabile “Mother North”. La serata si conclude con il brano “K.I.N.G”. Che dire, un pubblico davvero carico e partecipe. I Satyricon fantastici, una band che, nonostante l’età, riesce a tirar fuori concerti a dir poco ottimi. Davvero un bel ricordo per i fan presenti, un concerto indimenticabile.

Setlist:

  1. Midnight Serpent
  2. Our World, It Rumbles Tonight
  3. Black Crow On A Tombstone
  4. Deep Calleth Upon Deep
  5. Walker Upon The Wind
  6. Repined Bastard Nation
  7. Commando
  8. Now, Diabolical
  9. To Your Brethren In The Dark
  10. The Ghost Of Rome
  11. Trascendental Requiem Of Slaves
  12. Mother North
  13. The Pentagram Burns
  14. Fuel For Hatred
  15. I.N.G.

SATYRICON lineup: 

  • Sigurd Satyr Wongraven – Vocal
  • Kjetil-Vidar Frost Haraldstad – Drums
  • Steinar Azarak Gundersen – Guitar
  • Anders Neddo Odden – Bass
  • Anders Hunstad – Keyboards