Quando Myles viaggia solo


MYLES KENNEDY – “Year Of The Tiger ”
– (2018, Napalm Records) –

 

Questo è quello che molti desideravano, ma che non osavano chiedere, un album di cui si vociferava da anni, e che finalmente è diventato realtà: il debutto come solista di Myles Kennedy, cantante degli Alter Bridge e di Slash.
“Year Of The Tiger” contiene dodici brani in cui Myles Kennedy canta, suona chitarra acustica, lap steel, banjo, basso e mandolino (con Zia Uddin alla batteria e Tim Tournier al basso), prodotti al solito in maniera egregia da Michael “Elvis” Baskette (già produttore di Alter Bridge, Slash, Tremonti, Trivium e Ratt tra gli altri).
Un prodotto inaspettato, con delle canzoni polverose e costantemente oscure, sia per i temi trattati nei testi che per i suoni: diretti, poco processati ed acustici.
Myles Kennedy esplora ed osa con la sua voce, usa registri più bassi rispetto a quelli cui ci ha abituato precedentemente e ci racconta, con testi molto intimisti, della sua vita, delle sue sofferenze, del suo passato. Testi incentrati soprattutto sul dolore e sulla comprensione del lutto e della perdita di suo padre, quando ancora era bambino. Testi che parlano di sua madre, celebrano questa donna che non si risparmia nessuna fatica per tenere la famiglia unita ed andare avanti. Parla della fede che ha cambiato la vita della sua famiglia, il suo destino e in questo oscuro viaggio ci racconta dei fantasmi della vita passata che continuano a perseguitarlo.
Un rock blues le cui radici musicali si abbeverano alla fonte del blues e della musica dei grandi con i quali è cresciuto, tra i quali lo stesso Kennedy cita Nick Drake, Led Zeppelin, K.D. Lang, Mississippi John Hurt, Chris Whitley.
Un album che non è nient’altro che un mettere a nudo la propria arte e la propria anima, senza filtri, un’esperienza unica di crescita per l’artista e per l’ascoltatore.

VOTO: 9/10

Tracklist:

  1. Year Of The Tiger
  2. The Great Beyond
  3. Blind Faith
  4. Devil On The Wall
  5. Ghost Of Shangri La
  6. Turning Stones
  7. Haunted By Design
  8. Mother
  9. Nothing But A Name
  10. Love Can Only Heal
  11. Songbird
  12. One Fine Day

MYLES KENNEDY line up:

  • Myles Kennedy: vocals/acoustic guitars/electric guitars/ banjo/bass/lap steel/mandolino
  • Tim Tournier: bass
  • Zia Uddin: drums