Nexus – Metal e Melodie Gothic


NEXUS – “The Taint”
• (2017, Agoge Records) •

 

In bilico tra un certo tipo di Love Metal, Gothic e qualche influenza elettronica i Nexus con questo “The Taint” ci servono sul piatto un bel prodotto.
Echi degli HIM d’annata si uniscono gradevolmente a situazioni elettro-industrial sulla falsa riga dei seminali (quanto sconosciuti ai più) Genitorturers.
Il disco è ben suonato e ben prodotto, e enfatizza una certa malinconia che aleggia durante tutta la durata del lavoro. Non mancano soluzioni più heavy soprattutto nell’uso di un riffing chitarristico molto metal. Il cantato si muove tra lead vocals baritonali di estrazione gothic new wave e registri più alti dal piglio più pop anni ’80.
Dopo questa prolissa premessa non fatevi spaventare dalle innumerevoli influenze che ho citato, in quanto “The Taint” scorre in maniera molto fluida e gradevole, possedendo tra l’altro diversi “ganci” molto orecchiabili, vedi la quarta traccia “Crimson Wine” energica e melodica al tempo stesso, o il singolo “The Solitude”.
Nove brani di ottimo spessore, adatti agli amanti di diversi generi. Bravi.

VOTO: 8/10

Tracklist: 

  1. Solitude
  2. Cancer
  3. Funeral Pyre
  4. Crimson Wine
  5. Stillborn
  6. B.N.
  7. Scrying Mirror
  8. Close Your Eyes
  9. To Silence Your Demons

NEXUS line up:

  • Vlad Voicu – Vocals/Studio Guitars/Sampling/Programming
  • Il Diverso – Keyboards/Sampling/Programming
  • Tony DiMarzio – Bass
  • Diego Aureli – Live Guitar
  • Daniele DiGasbarro – Live Drums

.