Tremonti – non solo Alter Bridge


TREMONTI – “A Dying Machine”
• (2018, Napalm Records) •

 

Il pluridecorato e acclamato Mark Tremonti, sulla cresta dell’onda dal tempo dei Creed e da un paio di lustri con i suoi Alter Bridge, si ripresenta sul mercato con il nuovo disco del capitolo “Tremonti”, side project, o progetto solista che dir si voglia, attivo a periodi alterni dal non troppo lontano 2012.
Questo “A Dying Machine” ci presenta un Mark sui suoi soliti elevati standard a livello tecnico arrangiativo/produttivo, con un lavoro ambizioso e abbastanza lungo (quattordici brani).
I brani si dipanano tra soluzioni tirate come la opener “Bringer Of War” o rocciose come la seguente “From The Sky”, con un Tremonti che non sfigura assolutamente dietro al microfono, e strade alternative e più intimiste come la cupa “As The Silence Becomes Me”.
A differenza del recente disco solista del suo compagno di avventura Myles Kennedy, che si avventura in territori piuttosto distanti dal mondo Alter Bridge, il buon Tremonti non sposta una virgola dalla sua cifra stilistica e ci consegna un platter che sostanzialmente suona come un disco della band madre privata di Myles Kennedy alla voce. Rimane comunque un bel lavoro, corredato di alcuni picchi compositivi, come la struggente “The First The Last” composto arrangiato e suonato come già detto prima in maniera impeccabile. Un paio di spanne sotto l’ultimo Alter Bridge.

VOTO: 6,5/10

Tracklist:

  1. Bringer Of War
  2. From The Sky
  3. A Dying Machine
  4. Trust
  5. Throw Them To The Lions
  6. Make It Hurt
  7. Traipse
  8. The First The Last
  9. A Lot Like Sin
  10. The Day When Legions Burn
  11. As The Silence Becomes Me
  12. Take You With Me
  13. Desolation
  14. Found

 TREMONTI line up:

  • Mark Tremonti – Vocals/Guitars
  • Garret Whitlock– Drums
  • Eric Friedman- Bass/Backing Vocals